Le bici sono sempre più popolari, ormai ce lo ricordiamo bene il sorpasso delle vendite sulle immatricolazioni auto... E' così che sempre più costruttori auto stanno lavorando a dispositivi che assicurino una convivenza più sicura con i mezzi a due ruote. Di recente vi abbiamo parlato del casco salva-vita che sta mettendo a punto Volvo e adesso è la volta del Bike Sense di Jaguar Land Rover, un dispositivo che segue un approccio di tipo "sensoriale" utilizzando suoni, luci e vibrazioni, che generano una reazione istintiva da parte del guidatore. Se, ad esempio, una bicicletta o un qualsiasi altro mezzo a due ruote è prossimo al sorpasso, la parte posteriore del sedile si allunga fino a toccarci letteralmente la spalla dal lato di provenienza del veicolo: il gesto istintivo sarà quello di voltarci in quella direzione accorgendoci del pericolo. Quando la bici è vicina delle luci a matrice di LED illuminano progressivamente il montante interno, cambiando tonalità da ambra a rosso, seguendone il passaggio.


Il sistema è anche in grado di rilevare la presenza di una bici o di un pedone quando la visuale è coperta, per caso, da un altro mezzo. Come avviso viene emesso un suono che ricorda il campanello di una bicicletta, proveniente dagli altoparlanti disposti nel lato del veicolo; se l'automobilista ignora questi segnali, il pedale dell'acceleratore vibra per avvertire che qualcosa non va. Anche se stiamo per aprire la portiera e sta passando un ciclista la maniglia della porta vibra, rafforzando i segnali luminosi e sonori. E in caso di gruppi di ciclisti, o grande traffico, il sistema si concentra sul pericolo più vicino o imminente. Un nuovo approccio alla sicurezza stradale, per cercare di ridurre drasticamente gli incidenti mortali o con feriti, che in un anno coinvolgono 19.000 ciclisti nel solo Regno Unito. Staremo a vedere però quando sarà realtà nei listini.

Fotogallery: Ciclisti al sicuro, anche Jaguar Land Rover ha il suo "Bike Sense"