La terza generazione della spagnola adotta il pianale MQB della settima Volkswagen Golf, con cui debutta al Salone di Parigi

Nasce nel segno dei “numeri perfetti”, la nuova Seat Leon, "terza" generazione di compatta derivata dalla "settima" interpretazione della Volkswagen Golf, con cui condivide l’inedita piattaforma MQB (adottata anche dall’Audi A3) e il debutto, programmato per entrambe al prossimo Salone di Parigi (29 settembre - 14 ottobre 2012). Il lancio commerciale della versione 5 porte è fissato per la fine del 2012, per proseguire con altre varianti di carrozzeria, non specificate dalla casa, che costituiranno una famiglia completa di vetture.

QUADRATA E LUMINOSA

Le prime foto mostrano una Seat Leon più “larga e squadrata”, con un design che evolve gli stilemi della più piccola Seat Ibiza, usando a piene mani la tecnologia full Led per i fari (in stile Audi) e che secondo il marchio di Martorell è un’anteprima per il segmento C, cui il nuovo modello appartiene. Il rinnovamento ha comportato una riduzione di 5 centimetri nella lunghezza del corpo vettura, che ora misura 4,26 metri, per un contemporaneo incremento del passo di 6 centimetri. Oltre a sbalzi più contenuti, le conseguenze dell’adozione del pianale MQB si ripercuotono nell’abitacolo, più spazioso rispetto al passato nella zona posteriore dell’abitacolo, a beneficio di passeggeri e bagagli (capacità del vano 380 litri, + 40 rispetto al modello uscente).

PIU’ SPAZIO E MENO PESO

Una plancia a tutta larghezza è l’elemento caratterizzante dell’interno della nuova Seat Leon, che promette un passo in avanti nelle finiture e nelle dotazioni. Al centro della consolle spicca lo schermo dell’impianto di infotainment, orientato come tutta la plancia verso il conducente, a sottolineare la caratterizzazione sportiva del modello. A livello meccanico il telaio perde 90 kg di peso, a vantaggio delle prestazioni e dei consumi delle motorizzazioni.

S&S PER TUTTE

I turbodiesel includono 1.6 TDI Ecomotive da 105 CV e 205 Nm (che dichiara 3,9 l/100 km ed emissioni di 99 g/km di CO2) e 2.0 TDI da 150 CV e 320 Nm (per 4,0 l/100 km), che dal 2013 saranno affiancati dal 1.6 TDI da 90 CV, il 2.0 TDI da 184 CV e i benzina 1.2 TSI da 86 e 105 CV, 1.4 TSI da 122 e 1.8 TSI da 180 CV. Le trasmissioni disponibili sono i cambi manuali a 5 e 6 rapporti, il doppia frizione DSG a 7 marce, tutte abbinate allo start&stop. Per potenze superiori ai 150 CV il retrotreno guadagna la sospensione multilink al posto del ponte torcente, mentre per le sportive FR è previsto il Seat Drive Profile, che commutando fra i settaggi eco, comfort e sport gestisce le tarature di sterzo, risposta dell’acceleratore e sound di scarico.

Nuova Seat Leon: al via la produzione

Foto di: Fabio Gemelli