L'accelerazione da fermo è simile a quella della Bugatti Veyron e sui 400 metri da fermo è anche migliore. Per fermarsi da 100 km/h le servono invece 30,2 metri

2,8 secondi per raggiungere i km/h da fermo. Con un simile biglietto da visita la McLaren P ufficializza le prestazioni mozzafiato garantite dalla motorizzazione ibrida plug-in da 96 CV e 9 Nm. Non contenti di sbandierare un risultato così eclatante, uguale a quello della Lamborghini Veneno, paragonabile ai “meno di 3 secondi” de LaFerrari e secondo solo alla Bugatti Veyron (2,5 secondi), i tecnici inglesi hanno anche ufficializzato lo scatto da a 2 km/h della loro P, pari a 6,8 secondi, ma anche i sorprendenti 6,5 secondi per arrivare a 3 km/h. Quest’ultimo dato di accelerazione è di 5,5 secondi migliore rispetto a quello della storica McLaren F. Dove la McLaren P sopravanza la rivale Bugatti è invece nella prova di accelerazione sui 4 metri da fermo, il classico “quarter mile” da cui esce in 9,8 secondi ad una velocità di 245 km/h.

In occasione della consegna al primo cliente McLaren P presso la sede di Woking sono stati per la prima volta rese note altre performance strabilianti come ad esempio i 35 km/h limitati elettronicamente e gli spazi di frenata assicurati dall’impianto carboceramico della Akebono. La McLaren P per fermarsi da km/h necessita di 3,2 metri (2,9 secondi), mentre da 2 e 3 km/h impiega rispettivamente 6 e 246 metri (4,5 e 6,2 secondi). I consumi combinati della McLaren P sono invece pari a 8,3 l/ km, con emissioni di CO2 a quota 94 g/km. Per la cronaca la prima McLaren P consegnata è di colore Volcano Yellow con dettagli in fibra di carbonio a vista ed è uscita dalle linee produttive alla fine dello scorso mese di settembre.

McLaren P1, da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi

Foto di: Fabio Gemelli