Telaio in fibra di carbonio ed emissioni pari ad appena 50 g CO2/Km

La Axon Automotive è un nome pressoché sconosciuto in Italia, ma che in Inghilterra (suo paese d'origine) significa un nuovo produttore di auto a basso impatto ambientale "dall'anima" un po' speciale. La società, fondata dalla UK Technology Strategy Board nel 2006 e finanziata da investimenti privati, promette infatti di entrare nel mercato delle "auto verdi" proponendo modelli basati su telai in fibra di carbonio che avranno un prezzo altamente competitivo.

Il primo e finora unico modello presentato è una due posti ibrida plug-in che è stata recentemente esposta al Milton Keynes Science Festival, un evento annuale che si svolge nel Buckinghamshire (Inghilterra) e che mira a far incontrare il mondo industriale con quello universitario. L'auto, le cui caratteristiche tecniche sono state svelate solo in minima parte, combina un propulsore turbodiesel da 500cc ad un motore elettrico e promette un'autonomia di 40 km con un litro di carburante ed emissioni inferiori a 50 grammi di CO2 per chilometro; un valore che assicurerebbe all'automobilista inglese l'esenzione dal pagamento della tassa sulle emissioni inquinanti attualmente in vigore in Gran Bretagna.

La vettura, realizzata con materiali riciclabili al 100%, dovrebbe essere commercializzata nel 2011 per poi essere prodotta su larga scala in Gran Bretagna, Spagna, Francia, Irlanda, Danimarca e Olanda dal 2012. Un anno fatidico per l'industria dell'auto, perché secondo la Goldman Sachs il petrolio costerà 200 dollari al barile e molti Costruttori hanno fissato per quella data il debutto delle vetture elettriche. Vedremo se e come questo produttore inglese riuscirà ad imporsi sul mercato.

La Axon Automotive presenta la sua auto ibrida

Foto di: Eleonora Lilli