Le immagini "rubate" si riferiscono alla versione sportiva S e anticipano il debutto ufficiale previsto per oggi ad Oxford

Il conto alla rovescia per il debutto della nuova MINI Cooper è iniziato con un (simpatico) pacco bomba, che ci è stato recapitato in redazione, come potete vedere in questo video. Ormai siamo agli sgoccioli, visto che oggi ad Oxford (in contemporanea con Los Angeles e Tokyo) nasce la terza generazione della MINI moderna, nello stesso giorno in cui il progettista della MINI storica, Alec Issigonis, avrebbe compiuto 107 anni. Come spesso accade su internet, però, è già scappata qualche foto ufficiale, pubblicate da siti come Autocar.co.uk. Qualche idea ce l’eravamo già fatta con altre immagini ufficiali, che potete vedere cliccando qui, dove spiccano la forma ad arco delle luci diurne e la tipica presa d’aria sul cofano della MINI Cooper S. Sotto il cofano sono previsti nuovi motori turbo a iniezione diretta Euro 6, tra cui un inedito 1.5 a 3 cilindri da 136 CV e 230 Nm e un 4 cilindri 2.0 litri da 192 CV. Al lancio è previsto inoltre un turbodiesel 1.5 litri, sempre a 3 cilindri, con 116 CV e 270 Nm. Sono disponibili sia cambi manuali che automatici, abbinati al sistema start&stop.

La nuova MINI 2014, terza generazione di una vettura cult, si basa su un'inedita piattaforma BMW per trazioni anteriori e integrali: la UKL1. Con lei debuttano anche tecnologie come il sensore nel cambio che adatta i giri motore alle esigenze di cambiata, gli ammortizzatori regolabili elettricamente grazie ad apposite valvole che gestiscono le fasi di compressione ed estensione degli ammortizzatori e due regolazioni elettriche (Sport e Comfort) azionabili da un pulsante sulla plancia. Per ridurre le conseguenze dell'impatto con un pedone, la nuova MINI ha un cofano motore attivo con ammortizzatore tra il paraurti e il cofano, che fra 20 e 55 km/h si alza nella parte posteriore. A livello telaistico, infine, la MINI 2014 può contare su un avantreno diverso, che punta a migliorare la rapidità di risposta e ridurre gli effetti di trasmissione della coppia allo sterzo e ha un impianto frenante con pinze e dischi più leggeri e meglio protetti, per una riduzione delle masse non sospese. La riduzione dei consumi passa anche attraverso le modifiche aerodinamiche, tra cui si annoverano i cerchi in lega profilati, pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e carenature nel sottoscocca.

Nuova MINI 2014, le prime foto

Foto di: Giuliano Daniele