Una serie speciale in omaggio alla più celebre delle Jeep, la CJ del 1945

Con il nome di Jeep Wrangler Willys Wheeler viene identificata una particolare versione che si propone come erede della più classica della Jeep, la storica CJ militare del 945. Proposta per il Salone di Los Angeles (22 novembre- dicembre 23), la sua natura fortemente specialistica è sottolineata dall'impiego di componenti tecnici per renderla particolarmente efficace nell'uso in fuoristrada. Il richiamo alla storica Jeep c'è sicuramente nella carrozzeria che può essere totalmente aperta, a richiesta anche con le celebri "mezze-porte" Jeep, sulla base dei modelli Wrangler Sport a due porte o Unlimited a 4 porte.

La calandra a 7 feritoie e i paraurti sono in nero lucido, con la capote morbida Sunrider e le decals "Willys" ai lati del cofano e "4 Wheel Drive" nella coda. I cerchi in lega da 7" sono anch'essi nero lucido, e montano pneumatici tutto terreni BF Goodrich KM Mud Terrain L. Dal punto di vista meccanico, le novità si concentrano sul sistema di trazione integrale Command-Trac 4×4, e sull'assale posteriore Dana 44 con differenziale a slittamento limitato Trac-Lok; è anche prevista l'adozione del Trail Rated Kit, che comprende verricello, moschettone e guanti in una borsa marchiata Jeep. la Willys Wheeler monta il V6 Pentastar da 3,6 litri, con 285 CV e 352 Nm, e adotta cambio manuale a 6 marce o automatico a 5. Sarà in vendita all'inizio del 24, ma solo nel mercato USA, a partire da 25.795 dollari, un po' più di 9 al cambio attuale.

Jeep Wrangler Willys Wheeler

Foto di: Sergio Chierici