Eccola qui la prima berlina rialzata, con stile offroad e la comodità di un accesso ergonomico

L'evoluzione naturale che ha portato le station wagon ad alzarsi e diventare SUV e le coupé a sollevarsi da terra per diventare CUV ci riserva a Ginevra lo spettacolo in anteprima della Volvo S60 Cross Country, prima berlina rialzata della storia moderna. Sentirsi piccoli al suo fianco è normale come a fianco di una "vichinga" svedese, visto che l'assetto è cresciuto di 6,5 cm e anche l'immagine di una tre volumi coi passaruota così alti fa un certo effetto. Le finiture in stile offroad e la vernice in grigio opaco fanno il resto per renderla davvero una delle auto di serie più originali del Salone.


Per ora l'S60 Cross Country è disponibile con trazione anteriore e motore 2.0 turbodiesel, ma è già previsto l'arrivo della 2.4 sempre a gasolio, ma con sistema 4x4. L'abitacolo è quello già noto e tecnologico della S60, con la console centrale sospesa, la strumentazione digitale, ma alla prova pratica risulta più facile entrare e uscire; merito proprio dell'assetto rialzato che pone la seduta ad un livello più naturale, ergonomicamente parlando. La stessa sensazione di "a portata di mano" c'è quando si apre il cofano bagagli, all'altezza giusta per non doversi affaticare troppo nelle operazioni di carico e scarico.