Il modo di comprare le auto sta cambiando e Nissan lo sa bene, a tal punto che in occasione del Tokyo Motor Show che si è appena concluso ha invitato il pubblico a creare un'auto presso il suo stand. Non si è trattato però di un vero e proprio "luogo fisico", ma di un regno virtuale accessibile mediante l’utilizzo di appositi occhiali 3D che hanno guidato gli appassionati nella ricerca e nella modellazione dell’auto di domani, in un iter definito dalla casa Co-creations. Il processo parte da semplici domande poste all’utente: "Sei un amante del brivido o preferisci la comodità? Vuoi un motore a benzina o preferisci ribellarti con l’elettrico?". Ovvero interrogazioni che permettono di delineare le linee della vettura partendo dalle inclinazioni e le esigenze del pilota.

L'esperimento è stato gradito dal pubblico, visto gli oltre 100 modelli creati durante i giorni della manifestazione, frutto della collaborazione con l'agenzia digitale AKQA per costruire un mondo virtuale immersivo e all’innovativa tecnologia di realtà virtuale messa a disposizione da Oculus. Ed i primi risultati non sono tardati ad arrivare, come già vi avevamo anticipato qualche giorno fa: la prova tangibile del successo è rappresentata da Nissan IDx Freeflow e IDx Nismo concept, che non a caso abbiamo definito "coupè dei nativi digitali".

Nissan IDx Co-creations, l’auto nasce grazie agli spettatori del Tokyo Motor Show