Quest'anno all'Easter Jeep Safari c'è anche una Renegade speciale

Alzi la mano chi conosce Moab (negli Stati Uniti, non in Giordania…). E’ una cittadina (apparentemente) sperduta nello Utah e forse qualcuno di voi c’è stato; è la capitale del divertimento sportivo americano. A chi piace l’off road, il rafting, l’arrampicata o la mountain bike consigliamo di andarci almeno una volta. Non a caso è la città scelta per l’Easter Jeep Safari, il più grande raduno di Jeep al mondo. Quest’anno la 49esima edizione è in programma dal 28 marzo al 5 aprile e come di consueto Jeep presenta singolari variazioni sul tema dei suoi modelli. Ce ne sono sette, tra cui una Renegade chiamata Desert Hawk, che con una livrea color sabbia evoca le salite e le discese sulle dune.


Molto sfiziosa è la Jeep Staff Car, una Wrangler a cielo aperto che è stata riadattata per assumere le sembianze di un veicolo militare dal design leggendario. C’è persino un elmetto sul sedile del passeggero, una corda pronta all’uso, una pala ed un’accetta sulla fiancata. Dall’altro lato c’è la hippie Jeep Chief, basata su una Cherokee. Esternamente è tinta di blu elettrico e a bordo sui sedili è riprodotta la classica trama hawaiana che è celebre in tutto il mondo. Sempre in tema Cherokee ci sono la Canyon Trail, che sul cofano riporta la mappa di Moab, e la Grand Cherokee Overlander, che da fuoristrada si trasforma in tenda… Ai safari africani Jeep ha dedicato una Wrangler, che propone anche in versione estrema con il Red Rock Responder.


Quale vi piace di più?

Jeep, 7 variazioni sul tema per il mega raduno americano

Foto di: Eleonora Lilli