Anche la francesina ha la sua versione bi-fuel, 3 o 5 porte con un prezzo base di 14.200 euro

La Peugeot 28 .4 VTi 95 CV GPL arriva in Italia con il preciso obiettivo di offrire un’ulteriore possibilità di risparmio sui costi chilometrici e soprattutto per soddisfare quell’8,9% degli automobilisti italiani che scelgono il GPL, anche per evitare i sempre più frequenti blocchi del traffico. L’inedita Peugeot 28 .4 VTi 95 CV GPL, offerta sia a 3 che a 5 porte, dispone infatti della doppia alimentazione benzina-GPL ottenuta con un impianto Landi omologato in “fase 2” direttamente da Peugeot. Il prezzo di listino della nuova Peugeot 28 a GPL parte dai 4.2 euro della Peugeot 28 .4 VTi 95 CV GPL Access 3 porte, mentre la più ricca della gamma “gasata” è la Allure 5 porte che costa 7.8 euro.

La Peugeot 28 .4 VTi 95 CV GPL è dotata di un serbatoio aggiuntivo da 33,6 litri per il gas di petrolio liquefatto che si somma a quello della benzina da 5 litri. Il tutto si traduce, oltre che in un risparmio sui costi di viaggio, in una maggiore autonomia complessiva. Il motore VTi a 6 valvole con cilindrata di .397 cc (non presente nel resto della gamma) esprime 95 CV a 6. giri/min nel funzionamento a benzina e 93 CV a 6.2 giri/min quando è alimentato a GPL; anche il picco di coppia massima scende dai 36 Nm a benzina ai 24 Nm a GPL. Come sempre accade per le vetture bi-fuel a GPL i consumi crescono nell’utilizzo a gas, incremento compensato dal minore costo al litro del GPL alla pompa. Se a benzina la Peugeot 28 .4 VTi 95 CV GPL consuma nel ciclo combinato 5,6 l/ km, viaggiando a GPL questo sale a 7,6 l/ km.

Golf ancora in vetta in Europa nella top ten delle vendite in agosto

Foto di: Sergio Chierici