800 cavalli da tenere sotto la sferza

Specter Werkes, preparatore Corvette, ha presentato la sua ultima creatura, la C6 GTR dotata del proprio kit di modifiche. La base di partenza è la già sportivissima Z06, che monta un motore LS7 V8 a benzina di ben 7 litri con 515 CV. Dalle officine di Troy, cittadina del Michigan sede di Specter Werkes, i tecnici hanno fatto uscire un motore che arriva alla ragguardevole potenza di 800 CV. In questo sono stati aiutati anche dal biturbo, frutto della joint-venture con Lingerfelter Performance Engineering. Le migliorìe tecniche riguardano anche l'impianto frenante, che ora può contare su dischi maggiorati della StopTech con pinze a 6 pistoncini sull'anteriore e 4 sul posteriore.

Anche a cofano chiuso i ritocchi estetici la rendono unica e subito riconoscibile dall'esemplare d'origine: la tinta è un deciso blu elettrico, chiamato "blu perla BASF"; inoltre un po' su tutto il corpo vettura sono disseminati componenti in fibra di carbonio opaca, come gli alloggiamenti dei proiettori anteriori e lo spoiler al di sotto della calandra. Anche i cerchi rappresentano una novità: per la prima volta su una GTR vengono montati degli HRE, che equipaggiano tra le altre BMW M3 e Lamborghini Murciélago. Pur misurando 20" di diametro, i CF40 pesano solamente 10 kg l'uno, grazie alla fibra di carbonio.

A completare l'opera è l'impianto di scarico Corsa, con un doppio e generoso terminale, ognuno diviso in 4 elementi squadrati, particolare che rende ancora più aggressivo il posteriore di questa Corvette sottoposta a "cura" anabolizzante. Gli interni sono ricoperti da pelle Spinneybeck cucita a mano, e danno una sensazione che è una via di mezzo tra lusso e sportività.

La Corvette C6 GTR vista da Specter Werkes