Inserita nell'esposizione "The Art of Living", la crossover francese è nel suo habitat naturale

Di design si riempiono tutti la bocca. Immaginarsi nella Milano Design Week in corso in questi giorni nel capoluogo lombardo. Tra tutti i marchi automobilistici presenti, però Citroen è uno dei più titolati a parlarne. Perché? Semplice, la settimana scorsa a New York, la C4 Cactus si è aggiudicata il premio 2015 World Car Design of the Year. Un riconoscimento prestigioso, che i francesi onorano alla Triennale di Milano (vera e propria istituzione museale per il design e l'architettura) con l'esposizione proprio del crossover francese. Dove, di preciso? In un garage, ma nulla è così banale come potrebbe sembrare.


La C4 Cactus gialla che risalta al primo piano della Triennale è infatti inserita nel garage immaginario di una casa virtuale, i cui locali sono "scomposti" e visibili attraverso un corridoio centrale che li separa. Realizzata da Living - l'interior magazine del Corriere della Sera - l'esposizione è chiamata The Art of Living e sembra fatta apposta per richiamare uno dei cardini delle Citroen: la capacità di accogliere a bordo con soluzioni mai banali. Una su tutte, nella C4 Cactus, la "panchetta" anteriore: si tratta in realtà di due classici sedili, uniti però nel mezzo da un raccordo di tessuto che ne esalta la larghezza. Ancora, the Art of Living, nella C4 Cactus prende la forma del tetto panoramico (all'interno del quale ci sono cristalli che diventano scuri con l'irradiazione solare) e della sostituzione della leva del cambio con dei bottoni (se si sceglie l'automatico), per liberare spazio fra i sedili anteriori.

Milano Design Week, la Citroen C4 Cactus è alla Triennale

Foto di: Adriano Tosi