Il nostro inviato si è già "accomodato" in questo nuovo salotto viaggiante: ecco le sue impressioni

Vista dal vero, a Monaco di Baviera, la Mercedes Classe V, sembra proprio un balzo nel futuro, un salto generazionale che trasporta il settore dei monovolume nel mondo delle vetture di lusso. Certo, il pianale è sempre quello del Viano, evoluto e aggiornato, ma lo stile è così imparentato con Classe C e Classe S da renderla davvero un'ammiraglia per famiglie. Ci sono i fari full LED, i cerchi da 18", la grande stella anteriore e addirittura il lunotto apribile separatamente, proprio come un SUV. Le forme di Mercedes Classe V, nonostante il telaio a longheroni della tradizione Viano, sono più moderne e pulite, grazie a sapienti tocchi soprattutto al frontale e al portellone, finalmente con apertura elettrica Easy Pack opzionale.

IL SALOTTO BUONO

Quello che però impressiona di più sul Mercedes Classe V è il lavoro fatto sugli interni, dove una plancia "futuribile" mostra forme curvilinee, rivestimenti in legno degni di un'ammiraglia e uno schermo "volante" fino a 8,4". Altrettanto apprezzabile è poi il touchpad abbinato al Comand online, un controller tattile con il quale è possibile scrivere le lettere con un dito o navigare i menu come su uno smartphone. Tutto sulla Mercedes Classe V è improntato al lusso e alla comodità, soprattutto nella zona posteriore dell'abitacolo dove i sedili risultano confortevoli e configurabili a piacere.

APRITI, LUNOTTO!

Davvero intelligente mi è parsa la soluzione del lunotto apribile separatamente dal portellone, con un piccolo pulsante sotto il perno del tergilunotto. Questa soluzione, mai vista prima su un monovolume, comprende un piano di carico rialzato con copertura pieghevole e due vasche che sopporta un peso complessivo di 50 kg; le buste della spesa o le cassette della frutta trovano qui collocazione ideale, soprattutto quando spazi di parcheggio ristretti rendono scomoda l'apertura del grande portellone.

Mercedes Classe V, il monovolume di superlusso è tornato

Foto di: Fabio Gemelli