In arrivo il 2.0 TD4 da 150 e 180 CV, Euro 6 e con consumi che scendono fino a 4,9 l/100 km

Anche le auto nuove cambiano motore e lo fanno pure a pochi mesi dal debutto. Un caso emblematico è quello della Land Rover Discovery Sport che abbiamo visto per la prima volta dal vero lo scorso ottobre a Parigi e che sostituisce i motori a gasolio 2.2 con il nuovo 2.0 diesel Ingenium siglato TD4 che oltre ad essere Euro 6 promette una netta riduzione di consumi ed emissioni. Disponibile nelle due potenze di 150 e 180 CV in abbinamento alla trazione integrale, il nuovo 2.0 diesel Ingenium della Discovery Sport ha un consumo dichiarato di 4,9 l/100 km e 129 g/km di CO2, mentre nella versione più potente è in grado di far raggiungere al SUV inglese una velocità massima di 188 km/h con uno scatto da 0 a 100 km/h in 8,9 secondi. Secondo il Costruttore di Whitley il nuovo Discovery Sport 2.0 TD4 diventa così il più efficiente SUV premium compatto del mercato, grazie al propulsore che della nuova famiglia Ingenium che già ha motorizzato la Jaguar XE.


Il nuovo motore 2.0 TD4 fa largo uso di alluminio a vantaggio della riduzione di peso, vibrazioni e rumorosità, attriti interni e con un miglioramento delle emissioni ottenuto anche attraverso la riduzione selettiva catalitica e il ricircolo dei gas di scarico a bassa pressione. La Land Rover Discovery Sport a cinque posti dotata del 2.0 TD4, dei cerchi da 18" con pneumatici a bassa resistenza al rotolamento e di cambio manuale a 6 marce ha la denominazione E-Capability e si riconosce per la scritta Sport di colore blu. Per ottimizzare le prestazioni e i consumi le Discovery Sport 2.0 TD4 sono dotate di cambio con rapporto finale modificato. La TD4 da 180 CV è invece disponibile sono in versione a 7 posti, sempre con trazione integrale e la scelta fra il cambio manuale 6 marce o l'automatico a 9 rapporti.

Land Rover Discovery Sport, ecco il SUV "spaziale"

Foto di: Fabio Gemelli