La citycar transalpina somiglia alla Fiat 500 e ha il motore posteriore, per il massimo dello spazio interno

Se ne erano viste di tutti i colori, ma lo streaptease di un'auto in diretta internet ancora no! E' quello che hanno pensato di fare i francesi per svelare la nuova Renault Twingo in streaming sul sito undressnewtwingo.com, mentre sugli schermi tutt'attorno venivano proiettati i commenti su twitter provenienti da tutto il mondo. E se la prima Twingo fece scalpore per aver debuttato in (soli) quattro colori di carrozzeria, il nuovo modello si presenta in uno sportiveggiante color bianco. Con quattro ballerini colorati che le "zampettano" attorno, togliendo gli adesivi che ne nascondono le forme. La nuova Twingo, d'altronde, prova a dire qualcosa di nuovo nel panorama delle piccole utilitarie.

MOTORE DIETRO, PIÙ SPAZIO DAVANTI

Perché? Salvo smentite dell'ultim'ora, secondo le anticipazioni la prossima Twingo avrà il motore dietro e la trazione posteriore (le griglie ai lati della targa posteriore sembrano proprio delle prese d'aria), per massimizzare lo spazio interno. Come una smart, ma con 5 porte e 4 posti. D'altronde la nuova Renault Twingo è stata sviluppata assieme a Mercedes, sulla stessa piattaforma da cui nascerà proprio la nuova smart a quattro posti, di cui qualche giorno fa si è avuto un primo assaggio proprio in Italia, a Roma.

FACCIA SIMPATICA... DA 500

Un'altra conseguenza dell'architettura a motore e trazione posteriore è l'aspetto del frontale, molto corto e verticale, con proporzioni che dicono qualcosa di diverso in termini di design. I montanti anteriori, tra l'altro, sono particolarmente sottili e dovrebbero offire una visibilità ottimale. Le forme arrotondate della piccola francese, comunque, parlano la stessa lingua del prototipo Twin’Run, che a sua volta era stato "accusato" da molti di somigliare troppo alla Fiat 500.

VETRI E LUNOTTO COME LE RIVALI

Sulla fiancata, poi, sotto la linea di cintura, c'è una banda adesiva grigia farà parte di un kit estetico di personalizzazione, mentre i vetri posteriori sono a compasso, come molte concorrenti del segmento A: Volkswagen up!, Skoda Citigo, Seat Mii e Toyota Aygo, Peugeot 107, Citroen C1. Sulla calandra, sulle calotte degli specchietti e sui mozzi dei cerchi in lega ci sono elementi di color rosso che rendono l'aspetto esterno più sportiveggiante.

NASCONDE LA MANIGLIA E GLI INTERNI

La maniglia della porta posteriore è nascosta nel montante, come sull'Alfa Romeo Giulietta. Dietro, invece, la nuova Renault Twingo ha dei fari posizionati lateralmente, raccolti e di forma romboidale, quasi a richiamare la forma del logo Renault, la Losanga. I proiettori anteriori, inoltre, sono tondeggianti e hanno luci diurne separate, con quattro LED ciascuno. Tornando in coda, si vede come il lunotto sia completamente in vetro, e si nota la scritta TCe del motore turbo benzina: dovrebbe essere il 900 a tre cilindri della Clio. Restano ancora da scoprire gli interni: appuntamento al Salone di Ginevra (6-16 marzo), dunque.

Nuova Renault Twingo, la francese che fa lo spogliarello su internet

Foto di: Giuliano Daniele