La familiare tedesca, grande e spaziosa, non rinuncia al piacere di guida e all’assetto sportivo M

Non è una coincidenza se la nuova BMW Serie 5 Touring è esposta al Salone di Ginevra davanti all’immagine di una strada tortuosa e panoramica. Questo perché la station wagon tedesca aspira a essere considerata una vettura divertente e piacevole da guidare, nonostante gli ingombri esterni superiori alla media: è lunga 4,94 metri in lunghezza e sfiora il metro e 90 in larghezza. I tecnici della BMW hanno curato però la dinamica su strada e lavorato in particolare sulla meccanica, del tutto nuova, più leggera di quella utilizzata sulla generazione in vendita dal 2010: ciò è stato possibile grazie all’utilizzo di alluminio e acciai ad alta resistenza, materiali non altrettanto nobili come la piattaforma della più costosa Serie 7 ma validi a sufficienza per aumentare la rigidità senza influire sui pesi.


La Serie 5 Touring prevede in opzione le sospensioni posteriori ad altezza variabile (mantengono l’assetto neutro anche se il bagagliaio
è pieno), l’assetto sportivo M, le barre antirollio a controllo elettronico e la tradizionale possibilità di scelta fra trazione posteriore o integrale. A dispetto del carattere sportiveggiante, che si ritrova nelle linee esterne, la famigliare tedesca ha un vano bagagli fra i più ampi della categoria (da 570 litri) e soluzioni per facilitare il carico degli oggetti: il lunotto ad esempio si può aprire in maniera separata dal portellone, che a sua volta prevede il sistema d’apertura tramite il movimento del piede sotto il paraurti. I motori disponibili al lancio sono tutti ad alte prestazioni: i benzina hanno 252 CV o 340 CV, i diesel 190 CV o 265 CV.

Salone di Ginevra, la nuova BMW Serie 5 Touring fa sport [VIDEO]