Ha senso il cambio automatico su una sportiva? E il sound virtuale? Ecco cosa ne pensiamo

Lo abbiamo dimostrato coi fatti, con la triplice prova del nostro Garage: esistono auto sportive che si possono vivere tutto l'anno. La Peugeot 308 GTi fa parte di queste. Certo, i costi potrebbero spaventare qualcuno: sia in fase di acquisto sia nell'utilizzo quotidiano, i 270 CV della GTi by Peugeot Sport hanno un certo peso sul portafoglio. Un prezzo che si paga volentieri, se si è appassionati di sportive e il piacere di guida è fra le motivazioni d'aquisto. Come sempre, però, le vostre domande sono state numerose. Nella video copertina Alessandro soddisfa ogni vostra curiosità e dà risposta a tutti i vostri dubbi.


Il senso del cambio automatico su una sportiva


La prima perplessità è legata al senso che può avere il cambio automatico su una vettura sportiva. Lo spunto, ovviamente, nasce dal fatto che la 308 GTi by Peugeot Sport è disponibile rigorosamente con cambio manuale. Una scelta perfetta per i puristi, anche se questo non significa che sia l'unica "corretta": ci sono fior di trasmissioni a doppia frizione con comandi al volante che nulla tolgono al piacere di guida - anche su sportive ben più potenti di questa - e molto regalano al comfort.


Differenziale meccanico "puro" o gestito elettronicamente?


Meglio il differenziale della Seat Leon Cupra o quello della Peugeot 308 GTi by Peugeot Sport? La domanda di Tony Cerulo richiede una spiegazione articolata: quello della Seat, meccanico ma a gestione elettronica, assicura reazioni più progressive e minori reazioni sul volante. Quello della Peugeot, più simile a quello di un'auto da corsa, si esalta nella guida più estrema, anche se comunque non scompone mai l'equilibrio della vettura.


Sound virtuale. Lo preferiremmo autentico


Non sono pochi, fra voi, quelli che hanno criticato la scelta di Peugeot di ricorrere a un'amplificazione nelle casse dello stereo per far "suonare" meglio il motore. Non possiamo che essere d'accordo: forse i francesi volevano conciliare al meglio fruibilità quotidiana e sportività, ma date la particolarità dell'oggetto GTi by Peugeot Sport e la capacità dei tecnici di questo reparto di mettere a punto "colonne sonore" lavorando su scarichi e motore, non è detto che in futuro qualcosa possa cambiare.


Grazie per l'entusiasmo


Non potevamo chiudere senza ringraziarvi per la forte partecipazione che avete mostrato: solo tre di voi - Davide, Andrea e Gianni - hanno avuto la fortuna di scendere in pista con la Peugeot 308 GTi by Peugeot Sport sull'Autodromo di Modena, ma le richieste sono state numerosissime e appassionate. Grazie! Anzi, ci lasciamo con un buon proposito per il 2016: questa iniziativa non rimarrà isolata. Abbiamo intenzione addirittura di allargarla con dei track days.


[Foto: Federico Marongiu]