La collaborazione mira a progettare e costruire un’infrastruttura di ricarica e durerà fino al 2017

“Creare un settore automobilistico a prova di futuro”, così Mike Whitfield, Managing Director di Nissan South Africa, ha motivato l’alleanza suggellata in Sudafrica con BMW. Le due case hanno avviato una collaborazione per progettare e costruire una rete nazionale di stazioni di ricarica per EV e PHEV. Come sappiamo questo è un passo indispensabile per la diffusione dei veicoli a zero emissioni, come Nissan Leaf o BMW i3 o i8. “Affinché l’introduzione e la diffusione dei veicoli elettrici e ibridi-elettrici plug-in abbiano realmente successo a livello di mercato, è fondamentale lavorare fianco a fianco: la nostra partnership con Nissan rappresenta il primo passo in questa direzione”, ha detto Tim Abbott, Managing Director di BMW South Africa.


L’accordo, che ha effetto immediato ed è valido fino al 2017, prevede l’implementazione di stazioni di ricarica rapida a corrente continua (CC), conformi agli standard sia per quanto riguarda il Combined Charging System 2 (CCS2), utilizzato nei modelli elettrici e ibridi-elettrici plug-in di BMW, sia per il sistema Charge de Move (CHAdeMO), presente invece sulla Leaf. In alcune regioni, la rete nazionale delle stazioni di ricarica integrerà anche caricatori più piccoli a corrente alternata (CA). In base all’accordo appena siglato, questi caricatori saranno dotati di prese di tipo 2, tramite le quali sarà possibile collegare gli EV e i PHEV.

BMW i8, l’ibrida bella da guidare [VIDEO]

Foto di: Giuliano Daniele