Si chiama Blue Torino e sarà operativo da marzo 2016. Entro il 2017 attive 700 colonnine di ricarica

Dopo Milano e Firenze, il car sharing elettrico arriva a Torino. A portarlo nel capaluogo piemontese è il Gruppo Bollorè, che fornirà per la prima volta le sue utilitarie Bluecar - le stesse progettate da Pininfarina ed ora prodotte da Renault - al nuovo servizio in partenza da marzo 2016 con Blue Solution. Si chiamerà per l'appunto Blue Torino e inizierà il servizio l'anno prossimo con 15-20 auto all'attivo e circa 30 colonnine installate, ma è previsto per il 2017 un piano di espansione che porterà a 400 vetture e a ben 700 i punti di ricarica. E' il primo "esperimento" italiano per il gruppo francese, che potrebbe espandersi presto in altre città italiane.


Il servizio è stato presentato pochi giorni fa al Sindaco Piero Fassino ed alla giunta e se ancora nulla si sa su costi e prezzi del nuovo car sharing elettrico, ad accoglierlo a braccia aperte saranno i torinesi possessori di un'auto elettrica. Le colonnine che saranno installate nei prossimi anni per il funzionamento di Blue Torino non saranno utilizzabili solo dalle Bluecar, ma da qualsiasi vettura plug-in. Una novità che potrebbe incentivare l'acquisto delle elettriche e contribuire così a far scendere i livelli di inquinamento del capoluogo piemontese, scongiurando misure d'emergenza come le targhe alterne attivate recentemente a Roma.

Car sharing, a Torino arrivano le Bluecar di Bollorè