Danimarca e Germania i primi Paesi

La Nissan Leaf, attualmente l’auto elettrica più venduta al mondo (200.000 esemplari in cinque anni), è capace di fornire a sua volta energia. Questo già lo sappiamo e tre anni fa in Giappone è iniziata la sperimentazione del sistema "Leaf to Home" dove in pratica le centraline del sistema di alimentazione - le "EV Power Station" - fornivano in maniera continuativa alle abitazioni l’energia elettrica precedentemente immagazzinata nelle batterie ad alta capacità dell'auto. Adesso è la volta dell’Europa e, in occasione della XXI Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (COP21) di Parigi, Nissan ha annunciato una collaborazione con ENEL per sviluppare il sistema Vehicle-to-Grid che consente ai proprietari delle auto (e più in generale ai consumatori di energia) di utilizzarle come vere e proprie “centrali mobili” con cui accumulare e rimettere in rete l’energia non utilizzata.


Le prime auto grid-integrated debutteranno in Paesi il cui assetto regolamentare è più favorevole. La prima serie di sperimentazioni si svolgerà in Danimarca e Germania, per poi estendersi a Paesi Bassi ed altri paesi nordeuropei. “Il trasporto sostenibile del futuro esige migliori connessioni tra veicoli, utenze, fonti di energia rinnovabili ed edifici. Ecco perché l’annuncio di oggi è così importante: è il primo passo verso un ecosistema di energia automotive realmente integrato. La convergenza fra questi settori, e il progresso verso un futuro sempre più dominato dall’elettricità, rafforza le opportunità di gestione avanzata dell’energia. La tecnologia V2G ci fa progredire verso questa visione e sottolinea come l’impegno di Nissan verso l’intero ecosistema EV vada ben oltre l’esperienza di guida”, ha commentato Paul Willcox, Presidente di Nissan Europe.

Auto elettriche, da che parte sta la storia?