Anche il motore di ricerca più diffuso in Cina e secondo al mondo, sviluppa la sua auto a guida autonoma

Se pensate che Apple e Google siano le due uniche aziende informatiche a fare ricerche sulla guida autonoma, vi sbagliate. Ieri, sulle strade di Beijing, infatti, una particolare BMW Serie 3 GT, preparata da Baidu, ha guidato da sola percorrendo una certa varietà di percorsi, tra cui il traffico cittadino e la marcia autostradale. Baidu è il Google cinese, cioè il principale motore di ricerca per siti web utilizzato al di là della Grande Muraglia ma è comunque anche il secondo in assoluto per utilizzo. La Serie 3 “by Baidu” è stata anche in grado di raggiungere i 100 km/h, di compiere svolte a destra e a sinistra, di fare inversioni a U, di regolare la velocità in presenza di altri veicoli lenti, di cambiare corsia e di sorpassare altre automobili, oltre che di percorrere rampe di accelerazione e decelerazione.


Il percorso della “Baidu Car” è iniziato con un tratto di 30 chilometri dal quartier generale Baidu, che si trova vicino al Parco delle Scienze di Zhongguancun, è proseguito lungo l'autostrada G7, per imboccare poi la superstrada Fifth Ring Road, tagliare attraverso il Parco Olimpico e tornare alla base Baidu con successo. Il progetto è iniziato nel 2013, basandosi su mappe ad alta definizione che sfruttano i classici sensori deputati alla guida autonoma. L'approccio Baidu, inoltre, è del tipo incrementale, cioè utilizza un processo di adattamento ai diversi ambienti ed è in grado di riconoscere i percorsi ricorrenti imparando da essi. In questo modo, peraltro, le Baidu Car sono anche in grado di mappare zone sconosciute, condividendo le informazioni.

Baidu Car, ecco la risposta cinese alla Google Car