La Casa inglese sta testando un sistema che permette di rilevare i buchi della strada ed evitare così i danni ai veicoli

Noi automobilisti italiani sappiamo cosa significa prendere una buca ed è una situazione che non sembra avere altre soluzioni da parte delle autorità. E allora JLR ha ipotizzato di dotare le proprie auto di un sistema che rileva le la profondità e la posizione delle buche e ne regola le sospensioni pneumatiche per affrontarle al meglio. Si chiama Pothole Alert ed è in grado di inviare i dati registrati alle altre auto per aiutare i guidatori che possono evitarle a vantaggio del comfort ma anche del portafoglio perché permettono di risparmiare milioni di euro spesi in riparazioni di forature e altre parti del veicolo.


Ma a quanto pare la situazione non è migliore in Inghilterra, perché il sistema è al centro di test effettuati su una Range Rover Evoque e Discovery Sport nel Comune di Coventry (dove sorge anche la sede di JLR) per permettere di sfruttare i dati delle future auto in circolazione e coordinare gli interventi di manutenzione sulla rete stradale per renderli più rapidi e organizzati. Sembra quindi che il mezzo privato si possa mettere al servizio della collettività e sfruttare gli spostamenti quotidiani di migliaia di automobilisti per aumentare la sicurezza stradale di tutti gli utenti della strada. Il sistema però è solo dei modelli Jaguar e Land Rover che non sono propriamente numerosi sulle strade, ma sembra un buon inizio.

Land Rover Discovery Sport, ecco il SUV "spaziale"

Foto di: Fabio Gemelli