Si tratta davvero di un "assistente personale" indispensabile? Ecco la risposta

Ci sono cose e persone che i problemi li creano e altri che li risolvono; OnStar fa parte della seconda categoria, o almeno così sostengono in Opel. Curiosi di capirne di più, abbiamo affidato la nuova Astra ad Eleonora (ma potrebbe anche valere il contrario) in una giornata di ordinaria follia, lavorativa si intende, nella quale gli impegni professionali si sommano a quelli personali, nel mezzo di una città come Roma che certo non è delle più facili dal punto di vista della viabilità, anzi. La vettura era ovviamente dotata della tecnologia OnStar, che Eleonora ha sfruttato in lungo e in largo... Spesso per esigenze vere e non di copione. Vediamo com'è andata.


La sicurezza prima di tutto


Facciamo un piccolo passo indietro: cos'è OnStar? Opel lo definisce il "Tuo servizio di connettività e assistenza personale". Attenzione: non si tratta di un lusso fine a sé stesso, bensì di un importante contributo alla sicurezza. Classica situazione: salite in auto di fretta e, per risparmiare tempo, solo dopo essere partiti inserite la destinazione, nel navigatore o nello smartphone. Sbagliatissimo. Con OnStar vi basterà premere l'apposito pulsante per la chiamata e un operatore non solo troverà l'indirizzo per voi (che nel frattempo potete rimanere concentrati sulla guida), ma lo caricherà sul vostro sistema di navigazione. A proposito di sicurezza, non è mai troppa contro i ladri: alzi la mano chi non è mai stato assalito dal dubbio: "Avrò chiuso l'auto?". Con l'app di OnStar potete controllare lo stato delle serrature, ed eventualmente chiuderle a distanza; nel caso in cui vi rubino la vettura, invece, grazie al GPS potete localizzarla facilmente. Potete anche controllare il livello del carburante, pre-impostare la prossima destinazione e, se la memoria e/o l'orientamento non sono il vostro forte, farvi guidare al punto in cui avete lasciato la vostra Astra.


24 ore su 24, senza attesa


Il verdetto di Eleonora è sintetico e chiaro: "OnStar è un assistente personale che non vi mette mai in attesa e disponibile 24 ore su 24". I vantaggi sono dunque evidenti sia che si utilizzi l'auto nella propria città, sia che ci si trovi in vacanza in un luogo nuovo. Non solo: ci sono una serie di servizi accessori che tolgono parecchi pensieri. Potete per esempio ricevere via mail lo stato della vettura (per sapere se c'è bisogno di effettuare un tagliando), chiamare la centrale per chiedere lumi sull'eventuale accensione di una spia. Ancora, OnStar permette di chiamare i soccorsi, nel caso siate testimoni di un sinistro (se invece siete direttamente coinvolti, la chiamata di emergenza parte in automatico, quando si attivano gli airbag) o abbiate bisogno di assistenza stradale. Il tutto, funziona anche quando la batteria del telefono è scarica o c'è poco campo, grazie all'antenna della vettura, più potente.

Opel Astra: l’auto a cui basta “chiedere” [VIDEO]