Ancora due anni al comando di FCA per Sergio Marchionne, ad di Fiat Chrysler che "lascerà il gruppo nel 2019". La conferma arriva dalle parole di John Elkann, presidente e CEO di Exor che durante un'intervista rilasciata a Torino in occasione di Panorama d'Italia ribadisce che "il 2018 lo farà tutto perché vuole portare avanti il piano FCA". Nessun limite temporale è stato invece indicato per il ruolo di presidente Ferrari attualmente ricoperto da Marchionne. "Continuerà a lavorare con noi", ha detto Elkann aggiungendo: "Si occupa di Ferrari in modo straordinario e continuerà a farlo finchè vuole. Ci sono ancora molte cose da fare insieme".


Altro elemento interessante nell'ottica della futura dirigenza FCA è quello noto da tempo dell'avvicendamento interno (qui le prime indiscrezioni e nomi dei papabili) e ricordato da John Elkann: "all'interno del gruppo ci sono tantissime persone molto brave che potranno succedergli". Pochi cambi di rotta anche per quanto riguarda eventuali accordi con altri gruppi o aggregazioni di vario tipo, come sottolinea il numero uno della holding della famiglia Agnelli: "Nessuna novità, il piano di Fca al 2018 va avanti e i risultati si avvicinano ogni giorno che passa".