Steve Zadesky, ex-Ford, lascia dopo aver avuto il comando per circa un anno

Apple è famosa per le sue “campagne acquisti” piuttosto aggressive, ovvero per strappare senza troppa delicatezza i migliori profili professionali ai propri concorrenti o addirittura per acquistare piccole aziende, solitamente delle start-up tecnologiche o comunque specializzate nel hi-tech, per avere a disposizione tecnici già formati e il loro know-how settoriale. La notizia data dal Wall Street Journal, invece, per una volta tanto va in direzione contraria, perché a quanto dice l'autorevole quotidiano economico americano, dalla Apple si sarebbe dimesso Steve Zadesky, ovvero il responsabile del nebuloso progetto Titan. Dietro questa parola si cela il reparto, segreto e mai confermato ufficialmente, che starebbe preparando la prima auto made in Cupertino, quella iCar che tutti aspettano per il 2019 o il 2020 sotto forma di vettura elettrica e a guida autonoma.


Zadesky lavorava in Apple da 16 anni, occupandosi di progetti vitali come l'iPhone e l'iPod, ma la motivazione del suo abbandono sarebbe dettata da motivi personali e non da logiche industriali o altre offerte di lavoro. Le notizie sono scarse e non confermate, ma secondo lo stesso WSJ il progetto della Apple Car avrebbe accumulato un certo ritardo, tanto che i dirigenti più alti stanno mettendo sotto pressione i progettisti. Zadesky, in ogni caso, era stato assegnato al progetto Titan circa un anno fa - probabilmente per la sua passata esperienza in Ford – e gli era stata assegnata carta bianca nel reclutamento di nuove figure per l'azienda. Le sue dimissioni, quindi, aumentano ulteriormente il mistero sul destino della iCar.


[Foto: alemstatelog.com]

Apple Car, nuovi indizi sulle batterie