La Inscription costa 67.050 euro ma è scelta dalla maggior parte dei clienti, il 76%

Alla faccia della logica, ci sono auto per cui costare meno non significa vendere di più e la Volvo XC90 è tra queste. Stando a quello che dichiara la Casa, il grosso SUV svedese - che ieri ha primeggiato nei carsh test Euro NCAP - è stato scelto in allestimento top di gamma Inscription dal 76% dei 57.000 clienti che hanno ordinato l’auto, si tratta di un allestimento che parte da 67.050 euro. L’elevata domanda ha richiesto l’aumento dei turni di lavoro fino a tre quotidiani nella fabbrica di Torslanda, in Svezia ovviamente. “Poiché il 76% dei clienti sceglie il modello top di gamma, possiamo tranquillamente dire di aver consolidato la nostra posizione come casa produttrice di auto di lusso,” ha commentato Alain Visser, Vice Presidente Marketing & Sales di Volvo.


Al di là delle dichiarazioni di rito, la notizia offre un piccolo spunto per verificare il trend del mercato. L'offerta delle Case si è infatti orientata ad attirare l'interesse di chi è stato meno colpito dalla crisi (puntando più sulla qualità che sulla quantità) aumentando i prezzi di listino a livelli finora mai raggiunti, anche e soprattutto nel caso di marchi solitamente definiti generalisti. I dati dimostrano come il parco circolante sia diminuito fortemente negli ultimi anni e per una famiglia media pensare di avere più di un'auto é quasi utopia, tanto che viene da chiedersi se questa Crisi abbia causato la fine della motorizzazione di massa.



Volvo XC90 | La nostra video-prova




E' piaciuta talmente tanto che in Volvo ci hanno messo 12 anni per fare il modello nuovo, quello che abbiamo provato in questo video.

Volvo XC90, niente puzza sotto il naso