Oltre al frontale rivisto debuttano il cruise control adattivo, il mantenimento corsia e la frenata automatica d'emergenza

La Hyundai Santa Fe restyling che esordisce al Salone di Francoforte punta decisamente su due livelli di aggiornamento: uno riguarda lo stile leggermente modificato e l'altro le dotazioni di sicurezza e gli ausili alla guida più evoluti che innalzano ulteriormente il livello del SUV medio coreano. Il punto di partenza è come da manuale un riuscito facelift che si limita a cambiare alcuni dettagli del frontale come ad esempio la forma del paraurti anteriore, delle prese d'aria, dei fendinebbia con una fila di luci diurne a LED sopra e della calandra dotata di listelli cromati più sottili.


Da fuori si notano poi altre piccole differenze come la diversa sagoma degli specchietti con indicatori di direzione, i cerchi in lega di nuovo disegno, l'antenna a "pinna di squalo", il paraurti posteriore aggiornato e le nuove luci di coda a LED. All'interno la Hyundai Santa Fe restyling 2016 mette in mostra solo modifiche di dettaglio ai materiali e ai colori dei rivestimenti, sempre più raffinati e degni della "Ammiraglia SUV" di Hyundai. Il grosso delle novità è invece riservato ai dispositivi di bordo dedicati alla guida e alla sicurezza. Per la prima volta la Santa Fe 2016 è infatti dotata di frenata autonoma d'emergenza, cruise control adattivo, rilevamento angolo cieco, allerta traffico posteriore e assistente al mantenimento corsia, dispositivi quasi tutti proposti anche sulla nuova Tucson.

Hyundai Santa Fe, un restyling "di sicurezza"

Foto di: Fabio Gemelli