Da oggi a Mirafiori si inizia a lavorare sul SUV che debutta a Detroit 2016

Levante non è solo il nome di un vento o dalla Via Emilia Levante a Bologna, dove i fratelli Maserati hanno dato vita all'azienda che porta il loro nome; Levante è anche il nome del SUV che è nato per festeggiare il centenario del marchio del Tridente e a cui è affidato il delicato compito di rivaleggiare contro SUV già esistenti o in arrivo, come il Range Rover Sport, la Porsche Cayenne, la Jaguar F-Pace che debutta al Salone di Francoforte, o la Lamborghini Urus, che è attesa per il 2018. E poi ci sono le “solite” tedesche: la Audi Q7, la BMW X5 o Mercedes GLE... E l'elenco potrebbe continuare, perché quello dei SUV è un segmento molto agguerrito, sia quando si parla di dimensioni compatte che generose, e la Maserati Levante dovrà vedersela - "da sola" - con la concorrenza estera, visto che la Ferrari non promette novità in questo senso (almeno per ora). La notizia di questi giorni che a Mirafiori sono tornati a lavorare gli operai per assemblarla assume quindi una valenza importante per il Made in Italy.


Gli addetti FCA alla Maserati Levante sono 300 e la presentazione dell’auto è fissata per il Salone di Detroit, a gennaio 2016. La produzione di serie è stata programmata per la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo. Un rilancio che è importante non solo per il marchio italiano, ma anche per lo stabilimento stesso e che è quindi monitorato dai sindacati che già hanno organizzato per questo venerdì una riunione per parlare dell’avanzamento dei lavori. Anche il premier Matteo Renzi ha inviato un messaggio agli addetti ai lavori (tramite Twitter): “In bocca al lupo ai lavoratori di Mirafiori che rientrano in fabbrica. I primi ripartono lunedì #italiariparte”. E intanto il segretario della Fim torinese, Claudio Chiarle, si è lasciato sfuggire con i giornalisti che “qualche scocca di prova del funzionamento della linea produttiva del nuovo modello è già passata alla fine di luglio, in gran segreto, sulla linea di montaggio.

Marchionne: fra due anni due nuove berline Maserati

Foto di: Daniele Pizzo