La più potente GTI di sempre debutta a Francoforte e arriva sul mercato in tempo per festeggiare i 40 anni

Alla fine si chiamerà Clubsport e non 40th Anniversary, sebbene la ricorrenza da celebrare sia proprio quella. Stiamo parlando della Volkswagen Golf GTI Clubsport che la Casa tedesca farà debuttare al Salone di Francoforte e che, andando in vendita a inizio 2016, festeggerà gli otto lustri passati dall’arrivo sul mercato della prima Golf GTI, datato 1976. I cavalli del 2.0 TSI diventano 265 – facendone la GTI più potente mai prodotta – un valore che sale a 290 CV per la manciata di secondi in cui è attivo l’overboost. Così, almeno per qualche istante la potenza è la stessa della cugina Seat Cupra 290 appena presentata, che monta lo stesso motore. L’accelerazione da 0 a 100 km/h è completata in 6 secondi con il cambio manuale e in 5,9 con il DSG a 6 rapporti che si può avere in alternativa, mentre la velocità massima è per entrambe di 250 km/h.


Il resto della meccanica è quello della Golf GTI Performance, con il differenziale autobloccante elettroidraulico Volkswagen, le sospensioni regolabili elettronicamente con funzione Race un impianto frenante adeguato. All’interno ci sono i sedili da corsa in tessuto tecnico e Alcantara, materiale che si trova anche sulla corona del volante a tre doppie razze. Entrambi, così come il rivestimento del pomello del cambio hanno le cuciture rosse a contrasto, colore che si ritrova anche sui battitacco in acciaio inox. All’esterno invece, la calandra a nido d’ape e le prese d’aria sul paraurti sono più aggressive, il diffusore è inedito e lo spoiler più grande, mentre le minigonne laterali presentano la scritta Clubsport. I cerchi in lega, infine, hanno un disegno esclusivo e due misure, 18 o 19 pollici, mentre la tinta Onyx White è stata creata apposta per la GTI Clubsport.

Volkswagen Golf GTI Clubsport, 290 CV…per pochi secondi