La prima è una coupé "nuda" da 770 CV, già venduta a 2,2 mln di euro come le altre 39

Fedele alla promessa di presentare una novità ad ogni salone dell'auto Lamborghini si prepara a stupire il pubblico del Salone di Ginevra con la sua Centenario LP770-4, la super sportiva basata sull'Aventador che celebra i cento anni dalla nascita del fondatore, Ferruccio Lamborghini, nato a Renazzo di Cento (FE) il 28 aprile 1916. Per festeggiare in maniera adeguata questo anniversario la Casa emiliana ha deciso di realizzare una tiratura limitata di 40 esemplari, 20 coupé e 20 roadster, di un'hypercar esclusiva che va oltre anche al concetto della precedente Veneno. In particolare la vettura presentata a Ginevra sarà una Centenario coupé con carrozzeria "nuda" in fibra di carbonio, in stile Sesto Elemento. In un'intervista ad Auto Motor und Sport lo stesso Maurizio Reggiani, Research & Development Director di Lamborghini, ha detto: "La Centenario è la nostra definizione di hypercar".


Come lascia intuire il nome la Lamborghini Centenario LP770-4 è dotata di un'ulteriore evoluzione del V12 6.5 dell'Aventador portato a 770 CV, forse l'esempio più alto di motore aspirato stradale ad elevate prestazioni, senza l'aggiunta di motori elettrici. Oltre alla trazione integrale la Centenario riprende numerose componenti della Aventador, alleggerite e modificate alla bisogna per rendere ancora più scattante la nuova hypercar del Toro. I risultati promessi da questo ennesimo capolavoro Lamborghini, ma non ancora ufficializzati, parlano chiaro: 2,7 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h e una velocità massima superiore ai 350 km/h, il tutto a fronte di un prezzo di circa 2,2 milioni di euro. Per la cronaca tutti i 40 esemplari sono già venduti.

Lamborghini Veneno Roadster

Foto di: Fabio Gemelli