Debutta a Ginevra la versione elettrificata della bella coupé giapponese

Una delle protagoniste già annunciate del Salone di Ginevra 2016 è la Lexus LC 500h, attesa versione ibrida della coupé 2+2 già vista a Detroit. La sportiva giapponese di lusso che promette di dare il via a una "nuova epoca del marchio Lexus" con un "cambiamento radicale nell'approccio stilistico ed ingegneristico", utilizza il sistema ibrido di nuova generazione Lexus Multi Stage. A Ginevra sarà finalmente tolto il velo su questa nuova motorizzazione ibrida della LC 500h, mentre la piattaforma è la stessa GA-L della Lexus LC 500, quella realizzata in alluminio e acciai alto resistenziali.


In mancanza di dati ufficiali su potenza e prestazioni che uniranno "piacere di guida e grande efficienza" si può comunque concentrare l'attenzione sullo stile della nuova Lexus LC 500h che si distingue dalla LC 500 per la sola scritta Hybrid sul passaruota posteriore e per la sigla in coda. Ricordiamo che l'ibrida Lexus LC 500h sarà l'unica versione destinata al mercato italiano, presumibilmente fra la fine del 2016 e l'inizio del 2017, mentre su altri mercati verrà offerta anche la LC 500 dotata del 5.0 V8 aspirato da 473 CV, trazione posteriore e cambio automatico a 10 marce.



Lexus LC500 al Salone di Detroit 2016




Torna una 2+2 sportiva firmata Lexus. E questa volta l'hanno fatta cattiva, soprattutto nel design. La LC500 esposta ha Detroit monta un motore V8 da oltre 470 cavalli. Da noi però arriverà solo la variante ibrida

Fotogallery: Lexus LC 500h, ibrida da paura