Disponibile con il benzina 1.2 turbo da 110 CV, costa 17.300 euro o 18.550 euro a seconda dell'allestimento

Nell'ultimo periodo anche gli italiani hanno ceduto alle lusinghe del cambio automatico, considerato fino a pochi anni fa un optional non indispensabile ma richiesto oggi sempre più di frequente sui nuovi modelli. Basti sapere che un'auto su cinque venduta in Italia nel 2016 era priva della frizione, contro il 17% del 2012, ma le percentuali crescono fino al 70% delle berline tipo le Alfa Romeo Giulia e BMW Serie 3. Citroen cavalca questa tendenza anche con la C3, utilitaria lunga 4,00 metri ordinabile da maggio 2017 con la trasmissione EAT6, venduta al prezzo di 17.300 euro con l’allestimento di secondo livello Feel e da 18.550 euro con quello Shine. Di serie lo start&stop.


Il cambio ha 6 rapporti, è lo stesso già disponibile per le C4, C4 Cactus, C4 Picasso e si avvale della tecnologia a convertitore di coppia, che promette cambi di marcia più fluidi e morbidi rispetto al vecchio robotizzato CMP. L’unico motore al quale viene abbinato è il benzina a tre cilindri 1.2 PureTech da 110 CV, che secondo i dati della casa francese percorre in media 21,8 km/l (sono 22,2 km/l con il manuale a 5 marce), a fronte però di una riduzione da 9,3 a 9,8 secondi del tempo sullo 0-100 km/h. La centralina dell’EAT6 consente di scegliere fra le modalità di cambiata Drive, Sport e Snow, studiate per la guida di tutti i giorni, per quando si vuole ottenere più brio e per i terreni scivolosi.

Citroen C3, una "fotografa" professionista