Cabrio classica, cabrio "a metà" e targa: la più piccola delle scoperte continua a stupire

E' smart fortwo è sempre lei, eppure è completamente diversa. Le proporzioni, per esempio, che vedono una vicinanza più unica che rara fra altezza, larghezza e lunghezza, rimangono più o meno quelle: la smart - cabrio o coupé che sia - appare sempre un cubo con delle ruote sotto. Forma accentuata ulteriormente dall'ultima generazione, che per rispettare le norme di salvaguardia dei pedoni ha dovuto alzare il "naso". Nel caso specifico la nuova fortwo cabrio che debutta al Salone di Francoforte può però riporre il tetto dietro i sedili e alleggerire non poco l'impatto visivo.


A proposito: a differenza della Fiat 500C, la smart fortwo cabrio è una cabriolet vera, visto che il tetto può essere arrotolato fin sopra la testa dei passeggeri, oppure ripiegato completamente nell'apposito alloggiamento sopra il bagagliaio. Perdere il tetto non significa però smarrire la voglia di stupire e di andare forte. Ecco dunque che alle versioni classiche, qui a Francoforte si affianca la Brabus, proposta in un vivacissimo color azzurro puffo, che dovrebbe avere circa 130 CV e abbandona la colorazione a contrasto del Tridion ovvero la "culla" dentro la quale si accomodano i passeggeri e che costituisce il vero telaio della vettura.

Salone di Francoforte: smart fortwo cabrio, trasformabile chic [VIDEO]

Foto di: Adriano Tosi