Pratica, economica e funzionale: quello che si chiede ad una citycar. Vediamo in azione la piccola tedesca con prezzi da 9.900 euro

La forza di una citycar sta nel fatto di essere piccola, pensata per la città, ma non solo… deve anche essere economica, pratica, facile da guidare. La Opel Karl è l’ultima arrivata nel gruppo delle cittadine e quindi l’abbiamo messa alla prova nel nostro #perchecomprarla.


Pregi e difetti


Solo il fatto che sia così colorata la fa sembrare simpatica e le forme movimentate della carrozzeria la rendono ricercata, oltre che pratica, considerando la regolarità del corpo vettura, e quindi lo sfruttamento delle dimensioni compatte: 368 cm di lunghezza. La praticità della Karl si riscontra anche nello spazio interno che è abbondante (tranne che nel bagagliaio) e nelle plastiche dell’abitacolo, che non saranno lussuose ma sono ben assemblate e robuste. La Opel non ha fatto mancare a questa piccola citycar un bel po’ di tecnologia, dotandola dell’Opel Intellilink, un sistema in grado di replicare sullo schermo i contenuti dello smartphone. E c’è anche l’Opel On Star, un servizio di assistenza personale e da remoto per la propria auto. In città la Karl se la cava come ci si aspetta: sterzo e cambio morbidi e motore 1.0 da 75 CV tre cilindri che lavora bene ai bassi giri e non strattona. L’auto soffre un po’ a pieno carico ma tra le curve viaggia fluida e l’assetto con cerchi da 15” non la fa coricare troppo. Per quel che riguarda i difetti, la frizione stacca un po’ in alto e a volte strappa, e questo invoglia a guidare più lontani di quanto si vorrebbe, togliendo quindi spazio per le gambe di chi siede dietro. La ventola del climatizzatore è un po’ rumorosa, anche quando è alla velocità minima e con la chiusura centralizzata inserita le porte non si aprono da dentro tirando le maniglie, bisogna sbloccare le serrature. Cosa un po’ scomoda in città.


Qual è la versione migliore?


Il 1.0 da 75 CV è l’unico motore disponibile e l’allestimento giusto è l’n-joy. E’ una delle citycar più spaziose dentro, quella con l’infotainment più moderno e non se la cava male se dovete fare qualche viaggetto. Come la Fiat Panda e la Hyundai i10. La Volkswagen Up!, la Seat Mii e la Skoda Citigo, invece, sono più corte fuori, sempre spaziose e guidabili ma con interni un po' semplificati. Ancora più corte e facili da parcheggiare, sono la Peugeot 108, la Citroen C1 e la Toyota Aygo.

Opel Karl, la piccola sotto i 10.000 euro