Così "normale" ci appare ancora più bella della Quadrifoglio

Altro che SUV compatti o ibridi che dir si voglia, l’attenzione di pubblico e addetti ai lavori è ancora una volta tutta puntata sullo stand Alfa Romeo. Al Salone di Ginevra finalmente si vede la Giulia “normale”, quella che in tanti stavano aspettando e che erano curiosi di vedere. E allora eccoci insieme a Giuliano per raccontarvela dal vivo in un colore inedito, diverso da quello finora visto in altri Saloni. Non cambia molto rispetto alla Quadrifoglio che abbiamo già conosciuto (qui il video), anche se ovviamente i passaruota sono meno pronunciati. Esteticamente forse è più bella, perché appare più equilibrata e lineare. La novità più interessante è però nell’abitacolo… ed è la leva del cambio. Oltre che col manuale infatti la nuova Giulia sarà disponibile con l’automatico doppia frizione e 8 marce.

La gamma è composta da Giulia, Super e Quadrifoglio. Sono inoltre previsti due pacchetti di personalizzazione - Lusso e Sport -, mentre gli interni possono essere scelti a piacere fra 18 soluzioni differenti. Il tutto, da abbinare a 13 colori di carrozzeria. I motori inzialmente disponibili sono il 2.0 TBi turbobenzina da 200 CV, il V6 biturbo 2.9 della Quadrifoglio e il 2.2 JTDm turbodiesel tutto in alluminio, nelle versioni da 150 CV (380 Nm di coppia) e 180 CV (450 Nm di coppia), quest'ultimo disponibile anche in versione ECO, ottimizzata ai fini della riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti. Sia il 2.0 TBi sia il 2.2 JTDm sono abbinabili al cambio automatico a 8 rapporti denominato Q tronic.

E se volete saperne di più sulla Giulia proponeteci le domande che vorreste fare al top management usando l'hashtag #VoielaGiulia!

Alfa Romeo Giulia, le impressioni dal vivo a Ginevra [VIDEO]