Il concept ripensa l'auto come un ambiente tecnologico per creare e condividere

Come sarà l'auto dei nativi digitali? Quei ragazzi e ragazze abituati ad essere sempre connessi e che fra pochi anni si siederanno dietro il volante di una vettura? A questa domanda ha voluto dare risposta Nissan con il suo nuovo concept Teatro for Dayz. Sarà presentato al Salone di Tokyo - ai rulli di partenza per l'apertura del 29 ottobre - accanto a Leaf restylingGripz Concept - sfoggiata poche settimane fa a Francoforte - e l'appena annunciata Nissan Concept 2020 Vision Gran Turismo, e prende parte del nome da una minicar della Casa giapponese e parte dalla nostra lingua - la parola "teatro" per l'appunto - a rimarcare come questa piccola compatta nipponica voglia essere "una tela bianca" per i suoi utilizzatori.


Mossa dalla tecnologia elettrica di Nissan, la Teatro for Dayz è progettata infatti per essere un dispositivo mobile come un altro, da utilizzare in modo simile ad uno smartphone per creare, connettersi e condividere qualsiasi cosa, lasciando a chi utilizza l'auto la libertà di decidere come sfruttare le potenzialità messe a disposizione. L'interno della vettura è bianco, intonso, e dalla console degli strumenti ai sedili si presenta come una tela vuota pronta per essere riempita ed utilizzata in modo versatile, come accade oggi con lo schermo di un computer o di un cellulare.

Nissan Teatro for Dayz, l'auto per i "nativi digitali"