Test di guida autonoma in autostrada con uno spirito di squadra uomo-macchina

La filosofia che sta al centro del gioco di squadra è proprio quella di aiutarsi l'uno con l'altro, come una macchina in cui ogni ingranaggio deve girare nel verso giusto per dare il meglio. Sembra che Toyota abbia pensato a questo nello sviluppo della tecnologia a guida autonoma chiamata Highway Teammate, compagno di squadra appunto. Si tratta di una tecnologia per la guida autonoma in autostrada ancora in fase di test (nel video è stata usata una Lexus GS modificata) ma che punterebbe a eliminare l'intervento dell'uomo quando questo lo richiede tramite l'uso di sensori millimetrici e del navigatore satellitare. Non solo comodità quindi, ma anche sicurezza.


Un tema che anche nel nostro Paese è da affrontare con attenzione. Secondo la Polizia Stradale, gli incidenti in Italia durante il cosiddetto Esodo estivo nel 2015 sono stati in aumento del 4,6% sul 2014. Un dato in controtendenza con la diminuzione degli anni precedenti, soprattutto per il grande utilizzo di strumenti quali navigatori o smartphone ma anche per l'uso di alcool e droghe o per essersi messi al volante con poche ore di sonno in corpo. Strumenti come l'Highway Teammate - tra gli altri in fase di sviluppo dalle altre Case - potrebbero sicuramente aiutare ad evitare incidenti in cui la causa è il colpo di sonno o la distrazione. Il colosso giapponese vuole vendere prodotti con questa tecnologia nel 2020 presentandola come un supporto al conducente piuttosto che come un sostituto: una strategia che potrebbe rivelarsi convincente.



Toyota Highway Teammate




Ecco la Lexus GS che Toyota ha equipaggiato con l'Highway Teammate in azione sulle autostrade giapponesi

Toyota Highway Teammate, compagno di viaggio robotico

Foto di: Giovanni Notaro