La gamma si divide in due, differenti nel look, nella praticità e nel budget. In questo video tutti i dettagli

Si chiamano entrambi Kia Sportage, ma fra uno in allestimento Class e un GT-Line ci sono così tante differenze da avere quasi l'impressione di trovarsi davanti a due auto diverse, che questo Garage analizza nel profondo. Cambia l'estetica, è diverso il comportamento stradale e ovviamente anche il prezzo, oltre ai costi di gestione. Se non si fosse ancora capito, Kia punta ad allargare il più possibile il suo bacino di potenziali clienti ed Eleonora farà un po' di chiarezza, spiegando a chi si addicono di più le varie versioni, analizzandole da un punto di vista oggettivo e razionale, ma anche "soggettivo", di design. Con occhio femminile.


Versione "che vai", SUV che "trovi"


Nel video, Eleonora paragona Kia Sportage Class all'acqua liscia e Sportage GT-Line a quella frizzante, per le note di sportività che inserisce nel look dell'abitacolo e della carrozzeria, oltre che nella meccanica. Tra queste: i fari bi-xeno anteriori e a led posteriori, i cerchi in lega da 19" (di serie anche sulla Class), i doppi scarichi e le protezioni sottoscocca metallizzate. Anche dentro le differenze sono numerose, con la versione Class che è più sobria, ma non per questo "povera", anzi: i materiali sono di qualità più che buona e l'assemblaggio è accurato.


L'importanza di poter scegliere


Coerentemente con il nome e con l'apparenza, l'allestimento GT-Line si può avere solo con i motori più potenti: 1.6 turbo a benzina da 177 CV o diesel 2.0 da 136 e 185 CV, tutti con la trazione integrale. La versione Class è abbinabile invece anche al 1.600 a benzina aspirato e al 1.700 turbodiesel, entrambi da 110 CV e a trazione anteriore. Tutto ciò ovviamente ha pesanti ripercussioni anche sui prezzi, ma è proprio questo uno dei punti di forza del SUV coreano: la possibilità che dà di scegliere e la capacità di adattarsi a clienti anche molto diversi fra loro.

Kia Sportage, il SUV con due anime [VIDEO]