Carbonio come se piovesse e una carrozzeria ispirata alle auto da corsa della Canadian-American Challenge Cup

Una serie speciale, per un’auto che è speciale già di suo. Si chiama McLaren 650S Can-Am ed è un’edizione limitata di 50 esemplari creata per festeggiare il 50esimo anniversario dalla prima gara di Mont Tremblant (Canada) della Canadian-American Challenge Cup, nel 1966. Il progetto è frutto del lavoro del reparto speciale MSO (McLaren Special Operations) e si ispira alle auto da corsa della Can-Am degli anni ‘60. Il tutto per poco meno di 345.500 euro, quasi 107.000 euro in più della 650S Spider diciamo “normale”, che parte da 263.000 euro circa e di cui potete vedere la nostra video-prova.


La McLaren 650S Can-Am ha un inedito tetto ripiegabile in fibra di carbonio, materiale usato anche per il cofano, il freno aerodinamico AirBralke, lo splitter anteriore, la parte centrale del paraurti posteriore e le minigonne laterali sottoporta. I cerchi in lega sono forgiati e rifinite in nero lucido, con colonnette di fissaggio in titanio e pneumatici Pirelli P Zero Corsa. Nere sono anche le pinze dei freni carboceramici, mentre i terminali in acciaio inox lucidato sono quattro e fuoriescono ancora da una griglia di nuovo in fibra di carbonio. Dal suono ri-calibrato di questo scarico passano tutti i 650 CV del motore 3.8 V8 bi-turbo da 678 Nm, che fa accelerare la 650S Can-Am da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi, fino ad una velocità massima di 329 km/h.

McLaren 650S Can-Am: 50 speciali, per 50 anni

Foto di: Giuliano Daniele