Una trovata pubblicitaria è anche l'anticipo di come sarà la mobilità: più tecnologia e meno errori umani

La si potrebbe definire una trovata creativa e simpatica ma in realtà è uno spunto di riflessione importante perché affronta un tema delicato che le Case auto stanno già sviluppando da anni: la guida autonoma. Ciò che esce fuori dalla riflessione non è proprio lusinghiero per noi… umani. Il video inizia con alcuni bambini che giocano come fanno in tanti a quell’età: facendo schiantare le automobili giocattolo, simulando esplosioni con tutta la varietà di suoni vocali possibili. Mercedes ha però pensato di regalare a questi stessi bimbi due modellini (una Classe C berlina ed una Station Wagon) che non possono scontrarsi perché dotati di calamite con gli stessi poli montati l’uno verso l’altro.


Il risultato come si intuisce non è molto gradito ai bimbi che si vedono rovinato il gioco ma che simula il sistema anticollisione automatico. E' un accessorio che è già realtà ma in questa chiave emerge un altro aspetto importante: la tecnologia sopperisce alle mancanze dell’uomo. Un tema discusso ma forse non abbastanza. Tutti apprezziamo la sicurezza data dalla tecnologia (o almeno dovremmo) ma è importante definire i limiti entro cui questa dovrebbe muoversi, anche perché le mancanze dell’uomo alla guida - spesso anche elementari - non possono essere giustificate dalla presenza della tecnologia.



Mercedes: le auto giocattolo super-sicure




I bambini amano giocare con le auto giocattolo, scontrarle e distruggerle. Ma cosa succederebbe se le auto non potessero... scontrarsi?

Classe C SW e Serie 3 Touring, familiari contro

Foto di: Fabio Gemelli