Oltre al sistema a 48 volt, c'è anche un telaio più rigido del 22%. Debutto l'11 Luglio a Barcellona

Cosa s'intende per Mild-Hybrid? Semplice: vetture dotate di un piccolo motore-alternatore elettrico, alimentato da una batteria che si ricarica in frenata e durante il rilascio del gas. Il cuoricino in questione, tuttavia, non può muovere in autonomia la vettura. Secondo molti analisti, le mild-hybrid avranno un grande impatto sul mercato nel prossimo futuro, molto più delle ibride. Ad Ingolstadt, a quanto pare, sono della stessa opinione: la nuova Audi A8, che debutta in società all'Audi Summit di Barcellona l'11 Luglio prossimo, è spinta – di serie – proprio da un sistema mild-hybrid. Capace di accoppiarsi sia ai benzina TFSI, sia ai turbodiesel TDI.


Alternatore intelligente


Il piccolo motore elettrico a 48 volt funge da alternatore e da motorino d'avviamento (Belt Alternator Starter, nella nomenclatura Audi) e, oltre ad essere raffreddato ad acqua, è azionato a cinghia. I vantaggi? Garantisce avviamenti del motore sempre pronti, anche in quelle situazioni (ripartenze al semaforo) in cui il propulsore si è appena spento a bassa velocità ma il guidatore, una frazione di secondo dopo, ritorna sul pedale dell'acceleratore. Inoltre, non manca il tradizionale motorino d'avviamento, che serve solo per accendere il motore a freddo. Poi, naturalmente, c'è la batteria agli ioni di litio da 10 Ah, posizionata nel vano bagagli.


Veleggia fino a 160 km/h


Tutto questo consente alla nuova Audi A8 di veleggiare a motore spento a velocità comprese tra i 55 e i 160 km/h mentre lo Start&Stop si attiva da 22 km/h. Il tutto, assicurano da Ingolstadt, con accensioni e spegnimenti del cuore a combustione interna tutt'altro che avvertibili. Ma c'è di più: l'avvio del motore avviene in modo intelligente. Un esempio? Se la strada davanti a voi è libera, il cuore si avvia prontamente, per accelerazioni più svelte. Se, invece, siete da tempo in coda e accendete l'aria condizionata, l'avviamento è più dolce. E poi, non appena il veicolo davanti a voi si muove, il motore della A8 prende vita anche se siete ancora con il piede sul freno. Così, appena accelerate, non avete strattoni.


Un sistema capace di adattarsi


A gestire tutte queste funzioni ci pensano un sacco di sensori e pure una videocamera frontale. Così, il sistema può "vedere" quando la strada è libera oppure no, avvisando per tempo il BAS su cosa fare riguardo all'accensione del motore. La ricarica delle batterie, fra l'altro, avviene non solo in frenata o in fase di "veleggio", ma anche se arrivate troppo vicini all'auto che vi precede. I benefici? Un risparmio di 0,7 litri di carburante ogni cento km.

Nuova Audi A8, addio monoteismo dell’alluminio

Foto di: Nicola Desiderio