Prime Ford GT (Production Cars), Jaguar I-Pace (Concept Car) e Land Rover (Brand Design Language)

L’automobile sta cambiando a tempo di record. Presto o tardi potrà fare a meno del petrolio, ma di sicuro non potrà mai rinunciare all’estetica. Eh sì perché proprio lì sta una delle principali motivazioni d’acquisto e proprio lì va a parare il Car Design Award, una sorta di Oscar dello stile automobilistico assegnato in occasione del Salone di Torino Parco Valentino. Il premio, nato nel 1984 e rinato nel 2016 - dopo una pausa che durava dal 1997 - è assegnato da una giuria di esperti, esponenti delle testate automobilistiche internazionali (da Italia, Cina, USA, Germania, Francia, Giappone, Brasile, Spagna, India, UK).


Un premio alle persone, prima che alle auto



Nel dettaglio, la Jaguar I-Pace ha permesso al suo team di design di aggiudicarsi la sezione Concept Car. Al secondo posto, quello di Cadillac con la Escala e, al terzo posto, quello di Renault per la Trezor. Fra le Production Cars è il team di creativi di Ford che si è occupato della GT a vincere il primo premio, davanti alla squadra di Land Rover per la Range Rover Velar e terzi - a pari merito - i team di Alpine per la A110 e di Kia per la Stinger.


Lo stile è (anche) questione di coerenza


Un capitolo a parte lo merita il premio Brand Design Language”, attribuito ai designer che meglio hanno lavorato alla riconoscibilità e alla trasversalità del linguaggio stilistico del marchio sull’intera gamma prodotto. Primo posto per la squadra di Land Rover, seguita da quella di Mercedes-Benz e di Citroën. E siccome si parla di design, non potevano non essere curati i trofei, (ri)disegnati e realizzati da Brembo, partner del premio sin dalla sua rinascita.

Car Design Award, vincono Ford, Jaguar e Land Rover

Foto di: Adriano Tosi