Il SUV col 4.0 V8 biturbo fa sentire la voce dei 650 CV

Come un grande puzzle che inizia a mostrare parti importanti del quadro finale la Lamborghini Urus aggiunge ogni giorno qualche tessera per dimostrare che nel panorama dei SUV sportivi vuole avere un posto in prima fila. L'ultimo di questi elementi ci arriva dal circuito tedesco del Nurburgring dove il prototipo della Urus inanella giri su giri attirando l'attenzione dei fotografi e di chi gira il video che vedete qui sotto e svela al mondo il suono del potente SUV italiano. L'erede ideale dell'LM002 dimostra anche con il sound degli scarichi che a spingerlo verso le più alte velocità non è il V12 aspirato del concept del 2012, ma il già confermato 4.0 V8 biturbo da circa 650 CV, primo motore turbocompresso della Casa del Toro.


Nonostante le ancora pesanti mascherature la Lamborghini Urus alle prese con i test di messa a punto non appare molto diversa dal prototipo con lo stesso nome e simile invece alla ricostruzione di OmniAuto.it, con tanto di quattro scarichi, grandi prese d'aria anteriori, lunotto a forte inclinazione e frontale appuntito. Gli unici punti fermi al momento disponibili riguardo la Urus sono la sua presentazione ufficiale il prossimo 4 dicembre, l'inizio delle vendite nel 2018 e l'arrivo di una versione ibrida plug-in nel 2019. Altra certezza è quella dei nuovi posti di lavoro già creati da Urus, 500 nello storico stabilimento di Sant'Agata Bolognese e altri 200 nel nuovissimo impianto di verniciatura.



Lamborghini Urus, i test al Nürburgring




Il SUV del Toro fa sentire la sua voce sulla Nordschleife

Lamborghini, il SUV avrà un V8 biturbo