Su strada la versione normale, in pista a Balocco la Quadrifoglio: intanto, ecco qualche anticipazione live

La pioggia che cade oggi sul luogo del test drive ha fornito l'assist a porta vuota ai soliti maligni: "Oggi si guida l'Alfa Romeo Giulia, infatti piove". L'ironia, lo avrete capito, è legata al tempo trascorso fra la presentazione statica della vettura (24 giugno 2015) e oggi, 10 maggio 2016. Ma si sa: le prime donne si fanno attendere e la speranza è che la Giulia sia davvero una fuoriclasse. Non lo diciamo da tifosi del marchio, ma perché alle sorti di questo modello sono legate anche le prospettive di lavoro di tanti operai dello stabilimento di Cassino in cui viene prodotto. Il nostro "test team" è al gran completo, tra Balocco e dintorni, per raccontarvi come va l'Alfa Romeo della rinascita (anche in questo caso: si spera). Nella speranza che la promessa e l'augurio del n° 1 del Biscione, Harald Wester, trovino corrispondenza nella realtà: "Abbiamo realizzato un'auto unica e con il massimo impegno. Come si deve fare. Godetevi l'emozione".

Prima la turbodiesel, poi la Quadrifoglio

Alessandro è già al volante della 2.2 turbodiesel da 180 CV con cambio automatico: ovvero della versione che senza ombra di dubbio la farà da padrona dal punto di vista dei numeri di mercato, il "mix" - come dice chi ne sa di marketing - che dovrebbe strappare quadri/dirigenti/professionisti/flotte ad Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C. Nel pomeriggio sarà invece il turno della Quadrifoglio, quel mostro da 510 CV, scaricati dietro, di cui sapete già tutto, ma che Giuliano metterà alla frusta per voi oggi pomeriggio a Balocco sul circuito di prova del Gruppo FCA.

Un'attesa pari, se non superiore, a quella della 500 del 2007

Il test drive della Giulia 2.2 Multijet si sta svolgendo su strada e, possiamo metterci la mano sul fuoco, gli occhi dei passanti sono tutti per lei. Sì, dei passanti e non degli appassionati, perché l'Alfa Romeo Giulia, in Italia ma non solo, è un vero e proprio fenomeno mediatico, che, per restare nel Gruppo FCA, in tempi recenti ha un precedente solo nella Fiat 500 del 2007. Un modello che suscitò una curiosità e un interesse incredibili: eravamo presenti quel 4 luglio di 9 anni fa e dai ragazzini all'uscita da scuola ai lavoratori in giacca e cravatta, dai camionisti ai motociclisti, passando per casellanti, donne e anziani, tutti erano rapiti dalla 500.

Alfa Romeo Giulia, finalmente si guida

Foto di: Adriano Tosi