I visori Oculus serviranno ai nuovi clienti per scoprire nel dettaglio l'auto che stanno per ordinare

La presentazione della nuova A8 è stata il momento più atteso e spettacolare dell’Audi Summit, il nuovo evento che l’azienda tedesca organizzerà due volte l’anno per mostrare vetture in rampa di lancio, tecnologie innovative e soluzioni attese nel prossimo futuro. Il Summit diventerà per Audi quello che i Kenynote sono per Apple, fra le prime a credere in appuntamenti del genere, complice anche la grande quantità di innovazioni e cambiamenti attesi fino al 2025: la casa dei Quattro Anelli punta a rinnovarsi e investire maggiormente nell’ecosostenibilità, nella mobilità urbana e anche nel digitale. Per farlo intende rinnovare anche l’esperienza d’acquisto nei concessionari, trasformando la visita all’interno degli autosaloni in qualcosa di più moderno e accattivante.


Per questo motivo i concessionari riceveranno visori per la realtà digitale, ovvero degli occhialoni che riproducono l’auto desiderata all’interno di un contesto reale: il cliente potrà osservare il modello appena configurato su strada e da varie prospettive (anche dall’interno), in maniera da cambiare alcuni dettagli prima dell’ordine e ricevere un’immagine più fedele e precisa della vettura scelta. Audi ha in programma anche di rinnovare una parte dei concessionari, realizzando al loro interno una saletta ricca e accogliente dove configurare i nuovi modelli, così da rendere l’esperienza d’acquisto più preziosa e al passo con i tempi: il cliente avrà a disposizione un tablet e potrà ottenere informazioni più precise e dettagliate su tecnologie e varianti di equipaggiamento, anche attraverso il venditore che lo assisterà.

Audi, nei concessionari arriva la realtà virtuale