La coupé britannica veste italiano per il Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2016. Il V12 aspirato sale a 600 CV

L'accoppiata Aston Martin e Zagato che pochi anni fa ci aveva stupito con la V12 Zagato torna a far sognare i ricchi collezionisti di entrambi i marchi e pure i semplici appassionati di belle auto. Questa volta la protagonista è l'Aston Martin Vanquish Zagato Concept, una spettacolare coupé che fa il suo debutto questo fine settimana al Concorso d'Eleganza Villa d'Este e usa la base della favolosa V12 inglese per riprendere una tradizione iniziata con la famosa DB4 GT Zagato. La collaborazione fra la Casa di Gaydon e l'atelier milanese ha dato vita ad una nuova carrozzeria interamente in fibra di carbonio come le altre speciali Aston Martin One-77 e Vulcan.


Doppia gobba e fari rotondi dietro


Le forme dell'Aston Martin Vanquish Zagato Concept sono state definite congiuntamente dal responsabile del design Marek Reichman e da Andrea Zagato, con l'immancabile doppia gobba sul tetto, inedite luci di coda rotonde che riprendono la tradizione Zagato e fari a LED ispirati a quelli dell'Aston Martin Vulcan. Altri modelli della Casa britannica che hanno offerto il loro contributo stilistico sono la One-77 per la forma degli specchietti e la nuova DB11 per la sagoma della coda che ospita il bagagliaio e lo spoiler retrattile. Modifiche rispetto alla Vanquish donatrice sono presenti soprattutto a livello di montante e passaruota posteriore, tetto e vetratura laterale che assieme al parabrezza crea l'effetto visiera.


Il V12 aspirato arriva a 600 CV


Salendo a bordo della Vanquish Zagato Concept si ritrova il meglio della tradizione artigianale di Aston Martin e di Zagato, un insieme di fibra di carbonio con trama a spina di pesce, inserti metallici anodizzati color bronzo e pelle anilina che offrono un ancora più esclusivo senso di qualità dei materiali. A ricordare il contributo della maison Zagato ci sono poi sedili con cuciture a Z su sedili e pannelli porta e la famosa zeta stilizzata sui poggia testa e sulla console centrale. Sotto il cofano anteriore c'è invece una versione potenziata del motore V12 aspirato di 5,9 litri che arriva a 600 CV (contro i 576 CV della Vanquish di serie) e scarica i suoi gas combusti attraverso uno spettacolare impianto a quattro terminali rotondi ospitati nell'estrattore di coda.

Aston Martin Vanquish Zagato Concept, anglo-italiana da urlo

Foto di: Fabio Gemelli