E' una delle dodici GTB/C costruite per le gare e va all'asta con Gooding a Pebble Beach

Chi visita la California ad agosto deve inserire nel percorso una tappa a Pebble Beach, nota località turistica fra Los Angeles e San Francisco dov’è in programma ogni anno il famoso Pebble Beach Concours d’Elegance, un’esposizione fra le più conosciute al mondo di vetture storiche e prototipi moderni. Nel corso della rassegna si svolgeranno aste di modelli rari e da collezione, alcuni valutati anche decine di milioni. L’auto che potrebbe strappare la quotazione maggiore è una Ferrari 275 GTB/C del 1966, ottavo dei dodici esemplari realizzati, che secondo gli esperti della casa d’aste Gooding & Company cambierà proprietario per una cifra compresa fra 12 milioni e 16 milioni di dollari (10,2 / 13,7 milioni di euro). L’auto è stata restaurata per l’ultima volta nel 2007 e appartiene alla stessa persona da 13 anni.


La Ferrari 275 GTB/C deriva in larga parte dalla Ferrari 275 GTB, ma l’aggiunta della C (di Competizione) tradisce la filosofia dell’auto: questa serie speciale ha dettagli più elaborati rispetto ai modelli d’origine ed è una vettura da gara con tecnologie provenienti dalla estrema 250 LM. La carrozzeria è realizzata ad esempio con sottili fogli di alluminio, i vetri laterali e quello dietro sono in plastica e le ruote (anch’esse in alluminio) pesano meno rispetto a quelle montante sulle normali 275 GTB. Il motore V12 3.3 adotta le valvole della 250 LM, pistoni da gara, carburatori maggiorati, un albero a gomiti ridisegnato e la lubrificazione a carter secco, più efficace in pista rispetto al carter umido delle 275 GTB. La vernice dell’auto in vendita si chiama Argento Metallizzato ed è abbinata agli interni neri.

Fotogallery: Ferrari 275 GTB/C, in vista un record da 13 mln di euro