Le loro imprese si potranno seguire in tempo reale su un sito internet dedicato

Auto e sport vanno spesso d’accordo, con partnership, sponsorizzazioni o volti noti che diventano testimonial. Stavolta invece Citroen ha formato una “squadra”, il Citroen Unconventional Team (CUT), formato da atleti che interpretano i valori del marchio: “Be Different, Feel Good”. Sono otto italiani campioni di sei sport di scivolamento - surf, kitesurf, windsurf, extreme sailing, snowboad e skateboard - e utilizzeranno per i loro spostamenti i veicoli più adatti alle imprese, che potranno essere seguite online su unconventionalteam.citroen.it e naturalmente sui social. Parliamo di C4 Cactus RipCurl, Jumpy e C4 Aircross. Gli sportivi sono invece: Alessandro Marcianò, oggi l’unico italiano (e tra i pochi al mondo) a sfidare le onde giganti dell’Oceano Atlantico, per lui essere Unconventional significa “vivere la vita in modo non scontato, con spirito di adattamento e cercando la libertà con il sorriso”.


Matteo Iachino è il campione windsurf, “per me essere Unconventional è non dormire due giorni di fila a causa del jet lag, ma andare in mare ugualmente”; Tony Cili è un fortissimo atleta di Kite Strapless, “essere Unconventional è per me svegliarsi la mattina, preparare il mio Jumper con tutta l'attrezzatura che mi serve e cercare lo spot giusto, anche e soprattutto in condizioni meteo che portano la gente comune a chiudersi in casa!”; per la specialità Extreme-Sailing ci sono Vittorio e Nico Malingri, padre e figlio che con “Feel Good” sfideranno prima il Mediterraneo e poi l’Atlantico su un catamarano di 6,5 metri; Alberto Maffei è una delle promesse della Nazionale Italiana di snowboard freestyle e poi ci sono gli skater Iuri Furdui e Jacopo Carozzi (unico italiano nella sua disciplina a competere negli Stati Uniti e a fare parte di team di livello Europeo).

Citroen Unconventional Team, otto Campioni per sei specialità

Foto di: Eleonora Lilli