Fanno parte dell’aggiornamento “2017.32” dell’Autopilot di seconda generazione

Ci sono macchine molto meno “nerd” e decisamente più economiche che questa soluzione ce l’hanno già da anni. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire, almeno per una volta: anche sulle Tesla dotate di Auto Pilot II stanno arrivando - in tutti i mercati e non solo in alcuni come accadeva fino a oggi - i fari attivi Auto High Beam, già disponibili peraltro sulle vetture con Auto Pilot I.


I fari High beam sono capaci non solo di seguire il raggio di curva, ma di accendere automaticamente gli abbaglianti e di “oscurare” selettivamente il fascio luminoso nel caso in cui dall’altra parte arrivi un altro veicolo, in modo da non mettere a repentaglio la sicurezza del conducente. Tesla ha iniziato ieri a inviare - su tutti i mercati, appunto - l’aggiornamento on air del software, sigla “2017.32”, ai proprietari di vetture con l’Autopilot di seconda generazione, che troveranno la notifica “minor improvements” sul sistema di infotainment.

Tesla Model 3, trazione posteriore e 75 kWh per cominciare

Foto di: Adriano Tosi