Il luogo scelto per il debutto la dice lunga sul mercato più importante della Maserati Ghibli, che per l’occasione guadagna la denominazione GranLusso: il Salone di Chengdu in Cina e non il Salone di Francoforte come sarebbe venuto più facile pensare. A quattro anni dal lancio sul mercato e a breve distanza dagli aggiornamenti presentati al Salone di Parigi 2016 (infotainment aggiornato MTC Plus e nuovi sistemi di assistenza alla guida, oltre alla versione da 350 CV del V6 3.0 biturbo a benzina), ecco dunque il primo vero restyling della berlina italiana.


Esternamente, si fa riconoscere grazie principalmente agli inserti cromati nel paraurti anteriore e per la mascherina con listelli cromati. In caso di dubbi, comunque, basterà guardare la fiancata: alla base dei passaruota anteriori campeggia la scritta GranLusso. Sempre nella vista laterale si fanno notare le minigonne specifiche. Dietro, sono stati ridisegnati il paraurti e l’estrattore. Tutti gli interventi, fanno sapere in Maserati, non si limitano alla sfera del design: migliorano anche l’efficienza aerodinamica. Tornando al frontale, è ora impreziosito dai proiettori full led adattivi, con abbaglianti a matrice anti-riverbero.


 

Maserati Ghibli, il restyling si chiama GranLusso

Foto di: Adriano Tosi